11/02/2018 4.00

La staffetta delle sorelle Pieri

L'anno scorso aveva vinto una polacca, la giovanissima Iga Swiatek. Stavolta ci sono tutte le premesse affinché l'Italia possa sorridere al Trofeo Perrel-Faip di Bergamo (15.000$, terra battuta), in corso sui campi del Tennis Club Città dei Mille. Comprese le qualificate, l'Italia mette in campo ben 20 giocatrici, tra cui le prime quattro teste di serie: è il verdetto del sorteggio del tabellone principale, tenutosi domenica verso ora di pranzo. Se la favorita delle qualificazioni era Tatiana Pieri (e le ha passate), la n.1 del main draw è la sorella maggiore Jessica, classe 1997 e numero 221 WTA. Davvero di un nome di rilievo per un torneo con il montepremi minimo per una tappa professionistica. La Pieri esordirà contro Martina Colmegna in uno dei 6 derby azzurri. Le altre big sono Martina Di Giuseppe (finalista in carica), Stefania Rubini e Camilla Scala: quest'ultima aveva iniziato alla grande il 2017 e sembrava pronta per una grande stagione, poi si è un po' fermata. Bergamo sarà l'occasione per ripartire e rilanciare ogni ambizione. In un tabellone molto livellato, con tante giocatrici comprese tra la 400esima e la 700esima posizione WTA, la Scala esordirà contro la tedesca Lena Rueffer. Curiosità: le due wild card scelte dalla FIT (Martina Spigarello e Verena Meliss) si affronteranno al primo turno. Impegni affascinanti per le altre due: Alice Moroni (reduce dalla finale in un torneo Open) trova la francese Marie Temin, mentre la bergamasca Chiara Fermi avrà un test interessante contro Dalila Spiteri, numero 688 WTA. In gara anche due giocatrici esperte come Giulia Remondina e Claudia Giovine, entrambe con un passato da top-250. C'è curiosità per vedere all'opera la Giovine: cugina di Flavia Pennetta, un paio d'anni fa passò le pre-qualificazioni agli Internazionali BNL d'Italia e tolse una set alla forte Christina McHale. Al Città dei Mille se la vedrà contro una delle due sole giocatrici extra-europee in tabellone, l'australiana Nina Alibalic. L'altra, Ksenia Palkina, arriva addirittura dal Kirghizistan e sarà proprio la prima avversaria della Remondina. Lunedì si parte alle 10 del mattino e si gioca su due campi. In programma cinque singolari e cinque doppi, con la suggestiva staffetta delle sorelle Pieri: prima Tatiana sfida la russa Urzhumova, poi scenderà in campo Jessica. Dovessero vincere entrambe, ci sarebbe un curioso derby in famiglia al secondo turno. In chiusura di programma, sul campo 2, tornano in campo Stefanini-T.Pieri in doppio: sono la coppia campionessa in carica. Nel frattempo, nel tardo pomeriggio di domenica sono terminate le qualificazioni: delle sette teste di serie, in sei hanno centrato l'accesso al main draw. L'unica a mancarlo è stata Federica Prati, che si è fatta beffare da Harriet Hamilton col punteggio di 3-6 7-6 6-2. L'unica straniera a passare le “quali” è stata Lara Schmidt, mentre l'azzurra Cristina Elena Tiglea si è tolta una bella soddisfazione battendo la brasiliana Alexandre da Rosa al termine di una dura battaglia, chiusa col punteggio di 7-6 2-6 6-4.